TRUFFALDINO in «Der Diener zweier Herren» II.

300+ Monologe als PDF-Datei

1. Atto, 14. Scena

Truffaldino solo, poi il Facchino

Buch jetzt bestellen

TRUFFALDINO: Ho gusto da galantomo, che no se vada via. Ho volontà de veder come me riesce sti do servizi. Voi provar la me abilità. Sta lettera, che va a st'alter me padron, me despias de averghela da portar averta. M'in zegnerò de piegarla.

(fa varie piegature cattive)

Adess mo bisogneria bollarla. Se savess come far! Ho vist la me siora nonna, che delle volte la bollava le lettere col pan mastegà. Voio provar. 

(tira fuori di tasca un pezzetto di pane)

Me despiase consumar sto tantin de pan; ma ghe vol pazenzia.

(mastica un po' di pane per sigillare la lettera, ma non volendo l'inghiotte)

Oh diavolo! L'è andà zo. Bisogna mastegarghene un altro boccon.

(fa lo stesso e l'inghiotte)

No gh'è remedio, la natura repugna. Me proverò un'altra volta.

(mastica, come sopra. Vorrebbe inghiottir il pane, ma si trattiene, e con gran fatica se lo leva di bocca)

Oh, l'è vegnú. Bollerò la lettera.

(la sigilla col pane)

Me par che la staga ben. Gran mi per far le cosse pulito! Oh, no m'arrecordava piú del facchin. Camerada, vegni avanti, tolí su el baul.