DIE AMME in «Romeo und Julia»

300+ Monologe als PDF-Datei

Atto I, Scena III 

La Nutrice e Donna Capuleto.

Buch kaufen

NUTRICE: Più o meno, che importa? In qualunque tempo venga il primo dì d’agosto, solo nella sera di quel dì ella avrà quattordici anni. Susanna e lei... Dio abbia in gloria le anime cristiane...! avevano l’istesso tempo. Ma Susanna è ora con Dio, perchè era troppo buona figliuola per poter vivere a lungo con me. Come dunque diceva, la sera del primo dì d’agosto Giulietta avrà quattordici anni: li avrà, ne son sicura; e me ne rammento a dovere. Son ora undici anni da che venne a farci ballare quel gran tremuoto, e la era di già svezzata: non mai lo scorderò. Di tutti i giorni dell’anno, fu appunto in quello che m’aspersi d’assenzio il seno stando assisa al sole davanti al colombaio, e guatando la strada che aveva condotto poco prima voi e Capuleto a Mantova. Oh memoria! oh buon cervello che è il mio! Come adunque diceva, da che la pargoletta ebbe gustato l’assenzio di cui m’era intriso il seno, e l’ebbe trovato amaro, le venne il mal talento, e cominciò a battermi la mammella. Ecco allora, ecco in quel punto istesso che il colombaio comincia a tremare, e noi tutti tremiamo. Che è? che mai è? Era il tremuoto. Oh! non fu mestieri, ve ne assicuro, di dirmi che fuggissi. Da quel tempo in qua sono scorsi undici anni, perchè ben rimembro che la piccina stava ritta sola, e poteva andare e correre e saltellare colle sue gambette, senza pericolo che incespicasse. Anzi una circostanza, che ora mi torna, è, che nella vigilia appunto di quel dì cadde e si scalfì la fronte; e allora mio marito, Dio sia con lui, che era uomo gioviale, rialzandola le disse: Ah! così boccone ti lasci cader per terra?